Il Decreto Ministeriale del Dm del 9 aprile 2016 ha ridefinito l’area di competenza della Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’Area archeologica centrale di Roma che include il centro storico di Roma, compreso all’interno della cerchia delle mura cittadine, secondo la delimitazione del relativo sito UNESCO. Inoltre, alla Soprintendenza speciale sono assegnati le aree e i siti che ricadono nel Comune di Roma, al di fuori della cerchia delle mura cittadine e, nello specifico, l’Arco di Malborghetto, la Basilica sotterranea di Porta Maggiore, il Deposito pleistocenico della Polledrara di Cecanibbio, la Fontana di Anna Perenna, l’Ipogeo degli Ottavi, il Mausoleo “La Celsa”, il Mausoleo di Sant’Elena, la Necropoli di Villa Doria Pamphilj, il Parco Archeologico di Crustumerium, il Parco archeologico di Gabii, la Villa del Cimitero Flaminio e la Villa di Livia.